Review: Giù nel ciberspazio

Giù nel ciberspazio by William Gibson

My rating: 3 of 5 stars



E' il secondo capitolo della trilogia dedicata allo Spawl (preceduto da "Neuromancer" e conclusa con "Monna Lisa cyberpunk").
Il libro narra le vicende che accadono sette anni dopo gli eventi narrati in Neuromante: nella Matrice stanno succedendo cose strane come la proliferazione di entità simili a divinità vudù. Mentre due potenti multinazionali sono impegnate in una battaglia per il controllo di una nuova e potente tecnologia, i tre protagonisti vivono vite parallele che porteranno ad un finale unico e condiviso. Le tre storie principali sono quelle di Turner, un mercenario al soldo delle multinazionali; Marly, titolare di una piccola galleria d'arte a Parigi; Bobby, un hacker dilettante che ha un collasso cerebrale nel tentativo di entrare nel sistema informatico di una multinazionale con un software sconosciuto ed è riportato in vita da una misteriosa presenza del cyberspazio.

Pur essendo stato nominato al premio Nebula nel 1986 e al premio Hugo nell'anno seguente, questo secondo capitolo mi ha preso molto meno del precedente. Nonostante la maggiore famigliarità col linguaggio gergale stretto adottato dall'autore fin dal primo capitolo, l'intreccio è convincente fino ad un certo punto e, tolta la grande novità di stile e contenuto proposta precedentemente da Neuromancer, qui rimane poco della poesia evoluzionistica e del mistero matriciale che era stato così ben proposto nel capitolo precedente.

Ora sono curioso di sapere come sarà conclusa la trilogia.



View all my reviews

Commenti

Post popolari in questo blog

Un treno di libri

Review: Le montagne della follia

Best books 2017 - opening round